Davide Pastore -Calzoleria d’autore

DSCF2075

Fin da bambino, mi piaceva disegnarmi le scarpe e i vestiti…

 

Mi chiamo Davide Pastore ho 32 Anni, sono un Artigiano che fin da quando avevo 8  anni che desideravo creami uno spazio dove esporre le mie creazioni, i miei disegni e realizzare le scarpe o meglio la casa dei nostri piedi.

 Grazie al sostegno dei miei primi sostenitori di tale attività artigianalità, ovviamente i miei genitori, che mi hanno sempre voluto seguirmi e darmi conforto anche quando si presentavano periodi difficili e ostacoli da superare, perché crearsi un mestiere  dal niente, non ereditato da nessun, non è una questione semplice e da tutti.

Ho iniziato fin dall’ età di ragazzino a documentarmi studiando, leggendo e facendo innumerevoli ricerche sugli attrezzi, pellami, tipologie di conce, modelli di scarpe da uomo e da donna e sulle antiche lavorazioni sartoriali delle scarpe.

Cercando sempre di immagazzinare informazioni, idee, termini tecnici e sviluppando tecniche lavorative tutto in modo naturale e autodidattico…

 Per prima cosa mi sono messo a crearmi gli attrezzi e gli strumenti in legno che nei tempi d’oggi non si trovano più in commercio, ma sono solo presenti in musei o custoditi dai Maestri artigiani ormai anziani e poco praticanti di tali lavorazioni. 

Successivamente mi sono messo a reperire attrezzature dai Maestri artigiani che realizzavano scarpe fatta  a mano, ed  è stata una lunga a ardua strada; perché un artigiano di tale nobile lavoro è molto restio a dar via i propri arnesi o a donare a un giovane calzolaio o meglio scarpaio come me i propri attrezzi, perché sono pieni di ricordi e ogni arnese ha in se una propria storia ed esperienza per tanto ci sono volute lunghe trattative e colloqui,  ma alla fine con grande rispetto e orgoglio posso confermare che ho ricevuto attrezzature di grandi Maestri artigiani che hanno fatto la storia della calzatura artigianale a livello internazionale, ho avuto modo di conoscere e ammirare Maestri storici francesi.

Ritengo che la Francia sia la zona di primo ordine per scarpe artigianali fatte interamente  a mano, ma ho ricevuto anche altri attrezzi di altri Maestri artigiani di altre zone che espongono la cultura a riguardo a tali lavorazioni come l’Austria e l’Inghilterra, tutte Nazioni e territori che nutrono un infinita cultura e storia per scarpe sartoriali e scarpe fatte su misura…

 Dopo avermi creato gli attrezzi e strumenti in legno sono passato alla ricerca di Concerie che ancora ad oggi conciano come 50/100 anni fa con metodi ci concia lenta al vegetale che è la capostipite di tutte le tipologie del settore conciario.

Tali procedure di concia richiedono molta maestria degli artigiani delle concerie,  una pelle conciata con antichi metodi conciari significa che si trasmettono alle creazioni che si realizzano un aspetto storico e tradizionale; non solo rendono esclusiva ogni singola creazione, ma certificano l’artigianalità con cui il Maestro artigiano realizza tali scarpe. 

 La scelta delle Concerie non è stata semplice perché anche in questo caso come per gli attrezzi i tempi moderni hanno modificato anche questo settore, per tanto è stato molto faticoso trovare concerie con tali caratteristiche, ma alla fine ne ho trovate e accordate quasi 30 dislocate in tutto il Mondo,  questo mi ha permesso di offrire una forte dinamicità ai Clienti per realizzare le loro scarpe, borse, cinture e portafogli.

 

Offro ai Miei Clienti circa 900 tipologie di pellami di ambito alimentare, con pellami tinti in botti oppure per i Clienti più particolari ed esigenti realizzo io stesso la tintura a tampone eseguita con molte ore di lavoro manuale…

Dal Gennaio 2015 ho finalmente potuto realizzare il mio sogno avuto fin da bambino, quello di realizzare una “Calzoleria d’autore” dove si dava vita a creazioni uniche, che potessero diventare delle vere Opere d’Arte e da collezione, che potessero scrivere un pezzo di vita del Cliente che le indossa, per tanto ho avviato la Bottega delle Scarpe Sartoriali  in Italia a Santhià (Vc) – Piemonte, in Piazza Vittorio Veneto 26/B, scarpe cucite a mano senza nessun tipo di macchinario o macchina da cucire, il massimo aspetto della vera

artigianalità tradizionale che si è sempre contraddistinte nel Mondo e nel corso di diverse tipologie di ere culturali e di moda.

Oltre a cucire a mano e ai seguenti particolari , realizzo anche colle di gelatina e colle di fecola per eseguire alcuni passaggi delle lavorazioni sartoriali delle creazioni che creo, infine realizzo anche le Cere Artigianali realizzate con cera d’api, agrumi, brandy e alimenti come sedano, carota, barbabietola ecc. che porto ad essiccare, rendendoli polvere  per poter dare successivamente la colorazione alle cere.   

Per dare maggiore importanza alla mia artigianalità, ogni creazione viene consegnata in cofanetti di legno di castagno di vecchie botti di vino, che recupero da vinicole toscane e oltre ai cofanetti insieme alle mie creazioni consegno anche una pergamena che riporta la descrizione della lavorazione, i materiali adoperati e un Codice di Codifica; abbinato alla pergamena consegno al Cliente anche un album fotografico di tutta la fase della lavorazione sartoriale, in modo che possa lui stesso rivivere tutta la fase di lavoro che  è stata eseguita per realizzare la sua creazione.
Questa è la mia artigianalità e cultura verso un mestiere che è stato descritto e tramandato dal Medioevo fino ai tempi d’oggi, e nonostante i moltissimi anni ha sempre saputo rimanere un mestiere umile e nobile…

 Materiale legno per creare le forme dei piedi dei Clienti

La scelta del legno è molto importante perché bisogna utilizzare legni che non si trovano più cosi facilmente in commercio e nei tempi moderni di oggi, ma il legno è il materiale più indicato per realizzare le migliori forme dei piedi, primo perché si riesce a modellarsi meglio in modo da ricavare tutti i minimi dettagli strutturali dei singoli piedi dei Clienti, secondo perché il montaggio della tomaia sulla forma si svolge con maggiori risultati.

Bene detto questo si procede con la scelta del ceppo di legno, che viene scelto in base al modello di scarpa che si andrà a realizzare, e i legni sono di tre essenze:

– Faggio
– Carpino
– Ontano

sono legni che hanno venatura diverse ma con comuni caratteristiche molto indicati per la modellazione, e molto durevoli per molti anni, le forme dei piedi se tenute a temperature corrette possono durare fino a 300 anni.

Ma il punto cardine più significante per ottenere un ottimo ceppo di legno, sta nella sua scelta, per poi arrivare alla sua essiccatura, che deve avere una precisa % di essicazione e questo valore essendo molto importante va valutato molto bene, perché determinerà poi lo svolgimento della fase di scappellatura e modellazione dello stesso ceppo, più la essiccatura è corretta più sarà migliore la sua modellazione.

Infine la essiccatura determinerà anche la durata nel tempo delle stesse forme, perché permetterà di poter avere delle forme di legno che potranno essere resistente ai batteri e agenti come funghi e altri agenti che con il tempo potrebbero attaccare le stesse forme.

Il Legno lo prendo in Francia, mentre l’essiccatura viene svolta in Italia con antiche tecniche

Ogni singolo ceppo viene scolpito e modellato a mano, come l’antica tradizione richiede che risale fino agli anni 800′

Forme in legnoScolpire forme

 

 Preparazione delle Colle

L’etica della Calzoleria d’autore è quella di creare anche le materie prima, in modo naturale e a mano, come l’antica dei più grandi Maestri artigiani degli anni 800′ e primo del 900′ svolgevano, gli antichi metodi sono stati e resteranno sempre i migliori, per tanti aspetti, uno più degli altri una materia prima naturale porta anche benefici al nostro benessere a differenza di quelle chimiche e moderne che possono provocare disturbi sia per chi le adopera durante le fasi di lavorazione sia le persone che indosseranno le creazioni realizzate.

Osservato questo aspetto, realizzo le colle di gelatina alimentare e colle di fecola di patate, che realizzo ogni volta che devo svolgere una creazione, la colla di gelatina la utilizzo per lavorazioni in cuoio e per la costruzione delle suole, mentre quella di fecola di patate la utilizzo per realizzare l’anima delle cinture e delle scarpe e richiede diverso tempo di asciugatura, questo mi permette di realizzare creazioni uniche ma dalla caratteristiche salutali che portano benefici a chi le indossa o a chi ha delle allergia per determinati tipi di materiali.

Le lavorazioni richiedo un paio d’ore di preparazione che viene svolta con una lenta amalgamazione anche in questo aspetto, bisogna stare molto attenti alla fase di unione delle singole colle, osservando le temperature di cottura e i tempi di versamento dei singoli ingredienti naturali che le compongono, se si sbaglia anche nu minimo passaggio si può buttare via tutto il composto.

Immagine 1

Colla idrorepellente fatta con la gelatina
Colla idrorepellente fatta con la gelatina
Colla idrorepellente fatta con la gelatina
Colla idrorepellente fatta con la gelatina
Colla idrorepellente fatta con la gelatina
Colla idrorepellente fatta con la gelatina

Preparazione e creazione delle cere naturali

Le cere artigiani che realizzo sono indicate per pelli lisce, per scarpe, per boots, per arredamenti in pelle, per il cuoio e infine per strutture in legno naturale non laccato, come porte, arredamenti in legno, mobili, palchetto.

Le cere le realizzo con cera d’api filtrata, agrumi e brandy , e le linee sono neutre e si dividono in diverse ricette:

– lucidante, nutriente, ammorbidente

– Lucidante e stuccante

– Impermeabilizzante

– Lucidante, nutriente, ammorbidente, lucidante, stuccante, impermeabilizzante e detergente

Le linee delle cere artigianali colorate, vengono suddivise in due linee:

– la linea delle cere artigianali per cerature delle superfici che mantengono la colorane delle superficie, vengono realizzate con gli alimenti, gli alimenti vengono seccati e resi polvere e successivamente aggiunti con dovute dosaggi all’interno delle cere, alcu esempi:

– con il sedano realizzo la cera di tonalità del verde

– con le carote realizzo cere dalle colorazioni di tonalità dell’arancio

– e cosi via per le altre colorazioni
Mentre per realizzare le cere che ricolorarono anche le superfici cerate vengono utilizzati i minerali.
Queste lavorazioni richiedo molta pazienza e delicatezza nella fase di amalgamazione dei singoli ingredienti e dei singoli dosaggi, ma anche la temperatura va tenuta molto in considerazione.

La particolarità delle mie cere artigiani, oltre ad essere ricette uniche e naturali, le porto ad essere delle vere e proprie creme!

 

     

     

LE LAVORAZIONI DELLE SCARPE SARTORIALI

Le scarpe sartoriali, vengono così definite perché vengono realizzate interamente a mano senza alcun tipo di macchinario, neanche la macchina da cucire ma solo con ago e filo, adoperando solo le mani del Maestro artigiano.
Ogni singola lavorazione richiede moltissime ore di duro lavoro, oltre che tanta abilità, precisione e molta pazienza, in oltre le lavorazione vengono realizzate con le piu’ antiche e rare tecniche di lavorazioni artigianali che risalgono a 110 – 150 anni fa.

Ogni lavorazione delle scarpe sartoriali e composta da 230-270 passaggi che a livello di lavorazioni semi-artigianali o lavorazioni industriali equivalgono all’utilizzo dai 25 ai 37 macchinari, spiego questo per far capire quanto sia complesso e impegnativo realizzare le scarpe sartoriali come l’antica tradizione richiede. In oltre quanto spiegato deve far capire ai Visitatori della Bottega artigianale o ai Clienti quanto sia unico ed esclusivo ogni singola creazione realizzata con tali tecniche sartoriali, possiamo tranquillamente definire che ogni creazione entra di fatto nel settore di Opere d’Arte da collezione.

Ogni singola lavorazione sartoriale richiede un percorso di preparazione e costruzione delle scarpe diversi tra loro, ogni costruzione ha caratteristiche tecniche e di design ben precise, ma il fattore che accomuna tutte le lavorazioni è la loro resistenza nel corso del tempo, la loro impermeabilità e la loro flessibilità.

Le lavorazione della scarpe sartoriali che realizzo e svolgo sono:

– Lavorazione sartoriale
– Lavorazione a guardolo
– Lavorazione Bentivegna
– Lavorazione Norvegese
– Lavorazione Tirolese
– Lavorazione Veldtschoen
– Lavorazione Morgel
– Lavorazione Opanka
– Lavorazione Bolognese
– Lavorazione Double
– Lavorazione Pastore

A seconda delle tipologia di costruzione, le scarpe sartoriali una volta finite potranno avere dai 300 ai 600 punti di cucitura.

 

I Pellami e i Tessuti Naturali

L’etica della mia Calzoleria d’autore è quella di offrire ai Clienti una vasta scelta di materiali per realizzare le loro creazioni, chi ama il pellame pregiato, conciato al vegetale, o pellami nordisti, o pellami esotici, nel mio book dei pellame da me personalmente creato può trovare tutto questo.

Ho creato una scelta di pellami solo di prima scelta e di ambito alimentare, questo lo sottolineo volentieri perché non vengono maltrattati alcun animale, anzi ho degli accordi molto importanti con Enti Governative dei rispettivi Stati dove faccio conciare i miei pellami a seconda del periodo che mi indicano i Ministeri Governativi stessi, per tanto offro pellami selezionati e di primissima qualità , il che significa che si indosseranno creazioni realizzate con pellami conciato con antiche tecniche conciarie anche di 120 anni fa e con metodi naturali; in oltre ogni pellame ha una matrice che si permette di risalire alla sua fonte, in questo modo posso offrire pellami sicuri e di vero statuto naturale, e non come capita sovente nei tempi moderni di oggi che molti fanno passare pellami di 3-4 o addirittura 5 scelta come pellami di prima scelta e in oltre fanno passare pellami come vera pelle invece sono solo dei stampati o fotocopiati.

I Miei pellami sono conciati con determinate ricette di conce vegetali e naturali, addirittura alcune ricette sono rare ed esclusive, ho selezionato 35 Concerie da tutto il mondo e sono le più storiche del Mondo conciario, e sono situate in:

– Stati Uniti
– Canada
– Messico
– Australia
– Italia
– Germania
– Spagna
– Francia
-.Inghilterra
– Islanda
– Finlandia
– Norvegia
– Mongolia
– Sud Africa
– Egitto
I Clienti hanno la possibilità di scegliere tra 900 tipologie di pellami raffinati ed esclusivi, tutti conciati con antichi metodi conciari, in questo modo posso realizzare le loro creazioni con i pellami più adatti alle loro caratteristiche e alle loro esigenze, infatti nella scelta del pellame eseguo personalmente un analisi approfondita del territorio dove verranno indossate le creazioni del Clienti in modo da poter scegliere il pellame più adatto alle strutture climatiche del territorio.

Questa tipologia di analisi che svolgo è molto utile per poter realizzare una creazione che possa avere molta resistenza nel tempo e durare per molti anni, accompagnando a scrivere un pezzo della Vita del Cliente che indossa tale creazione!

Invece per chi non volesse o non amasse per nulla i pellami, offro la possibilità di realizzare le creazione dei Clienti adoperando tessuti realizzati con fibre naturali.

I Tessuti Naturali che propongo ai Clienti sono:

– Cashmere
– Lana
– Tessuto Jacquard
– Canapa
– Lino
– Soia
– Bamboo
– Ortica
Nella Bottega, i Clienti possono vedere nascere il loro tessuto, infatti dal prossimo anno 2017, offro la possibilità di realizzare in diretta anche il tessuto tessendolo con un telaio che mi sto finendo di costruire, realizzato in legno di quercia con le leve a mano e pedali, come l’antica tradizione della tessitura richiede. In questo modo i Clienti entrando nella Bottega potranno scegliere i filati naturali e vedere in diretta la nascita del tessuto che verrà successivamente adoperato per realizzare le loro creazione, questo farà aumentare l’esclusività e il prestigio della loro creazione, consegnando ad essi una creazione da collezione.

In fine per aumentare l’importanza del procedimento del filato tutto naturale e di mia produzione, sto avviando le pratiche (ma in Italia i tempi burocratici sono lunghi) un allevamento di capre per realizzare il Cashmere e la Lana tutta italiana, partendo dall’allevamento degli animali seguendo ogni passaggi della loro crescita, questo progetto dovrebbe partire tra la fine dell’anno 2017 e l’inizio del anno 2018.

Filati adoperati e cuciture eseguite a mano

Per svolgere le cuciture delle scarpe, delle cinture, delle borse o dei portafogli adopero due tipologie di filati prettamente naturali, il Lino e la Canapa.
Questi filati oltre che essere naturali, per tanto salutari, antibatterici e antiallergici sono anche molto resistente sia nella loro usura nel corso del tempo,  nella loro trazione, dovuta alle sollecitazione statiche e di movimento delle singole creazione che si indossano o si utilizzano.
In oltre questi filati sono filati che mi permettono di offrire creazioni molto flessibili ma allo stesso tempo molto forti che aumentano la loro resistenza agli strappi anche nei movimenti più bruschi e massime sollecitazione di trazione, per far si di rendere tale filati impermeabilizzati  e resistenti all’usura gli pecio   con la cera ( con  un antica procedura di lavorazione che richiede diverse ore di lavoro) e intrecciandolo a mano, in questo modo ogni punto di cucitura è flessibile ma resistente e impermeabile agli agenti atmosferici, tutti questi passaggi di lavorazione sartoriale insieme fanno si di poter avere una cucitura forte, flessibile e con la massima resistenza.
Per migliorare la resistenza delle mie cucire, le vado a svolgere a mano, cucendole con ago da sarta e con  doppio filo, in questo modo rendo ogni cucitura ingualcibile che seguirà ogni movimento che i nostri piedi faranno o il nostro corpo svolgerà. Una cucitura forte, resistente e flessibile, ma per dare maggiore risalto a questo tipo di lavorazione artigianale, ogni cucitura all’interno viene prima rinforzata con il tenacio liquido  da rendere ogni punto impermeabile, e per aumentarne la propria forza di resistenza la vado a rinforzare con nastri  di cotone naturale forte, su tutta la lunghezza interna della singola cucitura.
Queste cuciture possono subire ogni tipo di sollecitazione ma la loro struttura realizzativa le renderà flessibili e forti ed eviterà che si sfilacciano e che si rompano anche nei movimenti più estremi, anche se per motivi particolari si dovesse rompere un punto o sfilacciarsi cè sempre il secondo puto di cucitura che terrà intatta tale struttura dell’intera cucitura, la cosa che rende tale fase lavorativa artigianale unica è che nessuna tipologia di macchinario al Mondo, puo’ eseguire tale struttura di cucitura.
 La mia artigianalità e intuito creativo sono rivolti ad ascoltare tutto quello che la natura può offrimi e raccontarmi, che udendolo alle mie piccole doti e capacità cerco di realizzare creazioni uniche ed esclusive.

Per dare un alternativa ai Clienti ai pellami conciati al vegetale o ai tessuti naturali, propongo ad essi un materiali naturale che ha le caratteristiche del pellame, ma che è un materiale realizzato con a corteccia dell’ananas.

La corteccia dell’ananas viene lavorato con tecniche particolari che permettono di realizzare un materia che possa essere flessibile, morbido, elastico, e resistente con una trama che assomiglia moltissimo alla venatura del pieno fiore dei pellami; con tale materiale realizzo scarpe, borse, cinture e portafogli, un materiale prettamente ecologico e naturale che non fa altro che portare benefici al nostro benessere fisico quando si indossano le creazioni realizzate con tale materiale, in questo modo i clienti potranno avere molta dinamici nella scelta dei materiali naturali che più si avvicinano alle loro richieste e caratteristiche!

Un altro materiale particolare che la natura mi offre è la vera pietra di ardesia, un materiale molto resistente con un design molto variabile e dalle mille sfumatura.
La lavorazione artigianale per rendere la pietra sottile richiede molte ore e viene eseguita a mano , sono uno dei pochi al Mondo che riesce e rendere cosi sottile la pietra di ardesia, proprio tale caratteristica mi permette di realizzare cinture, borse e portafogli.

Un design unico e da collezione che rende ogni singola creazione un pezzo raro, dato che ogni pietra ha una propria venatura, la pietra viene foderata con il cuoio conciato al vegetale per realizzare una creazione resistente e che possa durate nel tempo!

In fine sto progettano cinture, borse e portafogli realizzare con un altro materiale prettamente naturale e speciale, il vero legno, essenze di faggio, rovere, noce, tiglio e altre essenze…

Cintura in vera pietra di ardesia
Cintura in vera pietra di ardesia
Cintura in vera pietra di ardesia
Cintura in vera pietra di ardesia
Cintura in vera pietra di ardesia
Cintura in vera pietra di ardesia

Creare una tintura effetto legno

Cintura in vera pietra di ardesia
Cintura in vera pietra di ardesia
Cintura in vera pietra di ardesia
Cintura in vera pietra di ardesia
Cintura in vera pietra di ardesia
Cintura in vera pietra di ardesia

Modellare bordi della cintura

l’Artigianalità che segna il cammino del tempo” 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...